nicola-lagioia
Nicola Lagioia con “La Ferocia” è il primo dei 5 finalisti del Premio Strega 2015
Con 182 voti Nicola Lagioia e il suo 'La Ferocia' (Einaudi) guida la cinquina del Premio Strega 2015 "Non me lo aspettavo - ha commentato Lagioia, parlando a caldo con l'Ansa . Anche perché 'La Ferocia' è libro letterario, denso, complesso. Anche se aveva trovato già dei lettori prima dello Strega. Ringrazio chi lo ha sostenuto e letto". 'La ferocia' è un romanzo dal ritmo serrato tra il noir, il gotico e il racconto familiare dà voce alle tensioni di una famiglia e al legame tra due fratelli. "E' anche un romanzo sull'Italia di questi anni, è una storia di fantasmi - ha aggiunto Lagioia - . E' un romanzo sul sud, ambientato in Puglia, ma la letteratura è sempre la parte per il tutto"
 
candide-300x139
Lella Costa in CANDIDE di Leonard Bernstein
Grande successo per il debutto di sabato sera al Teatro dell'Opera di Firenze. Le prossime repliche saranno: Ven 29 maggio, ore 20:30 Dom 31 maggio, ore 15:30 Mer 3 giugno, ore 20:30 Per maggiori informazioni clicca QUI
 
images
Il racconto dei racconti in concorso al Festival di Cannes
SCENEGGIATURA: Edoardo Albinati, Ugo Chiti, Massimo Gaudioso C'era una volta un regno, anzi tre regni vicini e senza tempo, dove vivevano, nei loro castelli, re e regine, principi e principesse. Un re libertino e dissoluto. Una principessa data in sposa ad un orribile orco. Una regina ossessionata dal desiderio di un figlio. Accanto a loro maghi, streghe e terribili mostri, saltimbanchi, cortigiani e vecchie lavandaie sono gli eroi di questa libera interpretazione di tre delle celebri fiabe tratte da Il Racconto dei Racconti di Giambattista Basile.
 

Eventi

Nicola Lagioia con “La Ferocia” è il primo dei 5 finalisti del Premio Strega 2015
Con 182 voti Nicola Lagioia e il suo 'La Ferocia' (Einaudi) guida la cinquina del Premio Strega 2015 "Non me lo aspettavo - ha commentato Lagioia, parlando a caldo con l'Ansa . Anche perché 'La Ferocia' è libro letterario, denso, complesso. Anche se aveva trovato già dei lettori prima dello Strega. Ringrazio chi lo ha sostenuto e letto". 'La ferocia' è un romanzo dal ritmo serrato tra il noir, il gotico e il racconto familiare dà voce alle tensioni di una famiglia e al legame tra due fratelli. "E' anche un romanzo sull'Italia di questi anni, è una storia di fantasmi - ha aggiunto Lagioia - . E' un romanzo sul sud, ambientato in Puglia, ma la letteratura è sempre la parte per il tutto"
 
Lasciate in pace Marcello – Piergiorgio Paterlini
In libreria dal 1° giugno il nuovo romanzo di Piergiorgio Paterlini, edito da Einaudi. Marcello ha sedici anni ed è un ragazzo normale, con una famiglia normale e degli amici normali. Ma anche a sedici anni una vita normale può cambiare di colpo. Perché a sedici anni si possono avere dei segreti e all'improvviso ci si può scoprire grandi. E si possono vivere grandi dolori. E grandi amori. Marcello è solo un adolescente, ma ha amato molto una donna - la madre di un amico - il sapore dei suoi baci, il profumo della sua pelle. Eppure sceglie di fuggire per preservare quell'amore appassionato ma impossibile. Un convento diventerà il suo rifugio, dove vivere, lontano dal mondo, la gioia dei suoi ricordi. Il passato però non gli basta e la malinconia di una vita isolata è troppo difficile da sopportare. Marcello ha bisogno del calore degli altri e uno dei monaci piú anziani - un rifugiato come lui - gli offre l'opportunità di provare un'amicizia destinata a durare per sempre. Per maggiori informazioni clicca QUI
 
Lella Costa in CANDIDE di Leonard Bernstein
Grande successo per il debutto di sabato sera al Teatro dell'Opera di Firenze. Le prossime repliche saranno: Ven 29 maggio, ore 20:30 Dom 31 maggio, ore 15:30 Mer 3 giugno, ore 20:30 Per maggiori informazioni clicca QUI
 
Il racconto dei racconti in concorso al Festival di Cannes
SCENEGGIATURA: Edoardo Albinati, Ugo Chiti, Massimo Gaudioso C'era una volta un regno, anzi tre regni vicini e senza tempo, dove vivevano, nei loro castelli, re e regine, principi e principesse. Un re libertino e dissoluto. Una principessa data in sposa ad un orribile orco. Una regina ossessionata dal desiderio di un figlio. Accanto a loro maghi, streghe e terribili mostri, saltimbanchi, cortigiani e vecchie lavandaie sono gli eroi di questa libera interpretazione di tre delle celebri fiabe tratte da Il Racconto dei Racconti di Giambattista Basile.
 
In libreria il nuovo romanzo di Luca Bianchini – Dimmi che credi al destino – edizioni Mondadori
Il destino è quella porta socchiusa da cui ogni tanto puoi sbirciare. E allora vedi che nulla avviene per caso e che tutto ha un senso, anche quando sembra non averlo. Ornella ama i cieli di Londra, il caffè con la moka e la panchina di un parco meraviglioso dove ogni giorno incontra Mr. George, un anziano signore che ascolta le sue disavventure, legate soprattutto a un uomo che lei non vede da troppo tempo, e che non riesce a dimenticare. A cinquantacinque anni, Ornella si considera una campionessa mondiale di cadute, anche se si è sempre saputa rialzare da sola. Per fortuna può contare su Bernard, il suo vicino di casa, che la osserva da lontano e la conosce meglio di quanto lei conosca se stessa. L’ultima batosta, però, è difficile da accettare. La piccola libreria italiana che dirige nel cuore di Hampstead – dove le vere star sono due pesci rossi di nome Russell & Crowe – rischia di chiudere: il proprietario si è preso due mesi per decidere. Lei, che sa lottare, ha imparato anche a lasciarsi aiutare, e così chiama in soccorso la Patti, la sua storica amica milanese – inimitabile compagna di scorribande – che arriva in città con poche idee e tante scarpe, ma sufficiente entusiasmo per trovare qualche soluzione utile a salvare l’Italian Bookshop. La prima è quella di assumere Diego, un ragioniere napoletano bello e simpatico, che fa il barbiere part-time, ha il cuore infranto e le chiama guagliuncelle. Ma proprio quando la libreria ha più bisogno di lei, il destino riporterà Ornella in Italia, a bordo di una Seicento malconcia guidata in modo improbabile dalla Patti. Tra humour inglese e una malinconia tutta italiana, Dimmi che credi al destino è una storia commovente di rinascita e speranza. Ambientato in una Londra dove il cielo cambia sempre colore e l’amore brucia a fuoco lento, Luca Bianchini racconta con il suo stile inconfondibile una storia che non avresti mai pensato di ascoltare, e che assomiglia terribilmente alla vita. Luca Bianchini è nato a Torino e crede nel destino. Per Mondadori ha pubblicato i romanzi Instant Love (2003), Ti seguo ogni notte (2004), Se domani farà bel tempo (2007) e Siamo solo amici (2010). Nel 2005 ha scritto la biografia di Eros Ramazzotti Eros - Lo giuro. Nel 2013 ha pubblicato con grande successo le storie pugliesi di Io che amo solo te e La cena di Natale. Io che amo solo te sarà presto un film. Ha condotto per anni “Colazione da Tiffany” su Radio2 e collabora con “la Repubblica” e “Vanity Fair”, per cui tiene il blog “Pop Up”.
 
Newsletter x

Per iscriversi alla newsletter, lascia nome ed email qui sotto: riceverai una email con la quale potrai confermare l'iscrizione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi